Il 25 ottobre 2017 MAAM è entrata in una nuova fase della sua vita.

maam sole 24 ore

Visto il successo che il programma sta avendo in Italia e le grandi opportunità a livello internazionale, abbiamo aperto il capitale a nuovi soci con un aumento di 1,5 milioni di euro.

L’aumento coinvolge business angel esperti del settore, fondi a carattere “impact” (orientati al sociale) e una campagna di crowdfunding di cui vi diremo di più tra qualche settimana.

La società ha anche cambiato nome: da ARG, che era l’acronimo dei nomi dei tre soci fondatori, è diventata Life Based Value perché generare valore dalle esperienze della vita è quel che vogliamo continuare a fare, sempre di più. Ci tenevamo a raccontarvi di questo importante passo. L’aumento di capitale ci darà le risorse per migliorare ancora la nostra tecnologia, per raccontare meglio ciò che stiamo facendo accadere (insieme a molti di voi) e per portare MAAM all’estero. E’ un sogno che sta diventando grande e cambiando una volta per tutte la vecchia visione che vede vita e lavoro in concorrenza. Noi vediamo “un’eterna ghirlanda brillante” di risorse e capacità: una sinergia che sappiamo attivare e che vogliamo portare nel mondo.

Riccarda Zezza, CEO Life Based Value

Un Paese senza figli

pregnancy-1136777_960_720-300x200I nuovi dati sulla natalità in Italia confermano che nel 2015, per la prima volta dal secondo  dopoguerra, nel nostro paese sono nati meno di 500.000 bambini: è un allarme per tutti noi.
Un paese che non fa figli è un paese che non crede nel futuro, e che non costruisce un futuro in cui credere. 
Per far nascere, un figlio, un progetto, abbiamo la responsabilità di mettere donne e uomini in grado di generare. Se non si può generare… non nasce nulla.
Ecco perché crediamo fortemente che questo impegno riguardi appieno il mondo produttivo, che può, ancora prima della politica, mettere in atto azioni e progetti per far nascere qualcosa di nuovo al suo interno.
Essere leader generativi vuol dire oggi occuparsi di questo.
Anche con azioni nuove e “fuori dall’ordinario”, come per esempio Poste Italiane con le 500 donne che stanno già facendo il percorso maam U. 


Leggi l’articolo di Monica d’Ascenzo su Il Sole 24ore


Riccarda Zezza
riccarda zezza
Ha lavorato per molti anni in grandi aziende in Italia e all’estero. Nel 2012 ha fondato Piano C: il lavoro incontra le donne, per proporre nuovi modelli organizzativi che sfruttino appieno il valore aggiunto della diversità.
È consulente, relatrice e docente sui temi della leadership e della rottura degli stereotipi. 

Metterci la faccia

questore-stretta di mano
Vice questore aggiunto a Genova, madre di tre gemelli, poliziotta, nel momento di massima tensione si toglie il casco e stringe la mano di un manifestante.
Così inizia il dialogo.
Questa è la leadership che le donne devono mettere in campo.

Leggi l’articolo di Massimo Gramellini su La Stampa

Riccarda Zezza
riccarda zezza
Ha lavorato per molti anni in grandi aziende in Italia e all’estero. Nel 2012 ha fondato Piano C: il lavoro incontra le donne, per proporre nuovi modelli organizzativi che sfruttino appieno il valore aggiunto della diversità.
È consulente, relatrice e docente sui temi della leadership e della rottura degli stereotipi.

La maternità è un master di vita

imagesPapa Francesco alza il velo su un argomento che in Italia sembra essere ancora troppo scottante per fare notizia quanto dovrebbe, e denuncia: “Bisogna tutelare lavoro e maternità: il diritto a realizzarsi e quello a diventare mamma“. Poche settimane fa, l’Istat ha indicato un aumento nel numero di donne che perdono il lavoro dopo la maternità: si è saliti a quasi una su tre. Sono numeri che, insieme al fatto che l’Italia ha tra i più bassi tassi di fertilità del mondo, fanno paura.

Per questo siamo fieri ed emozionati se, proprio accanto a quanto dice papa Francesco sull’Avvenire, a parlare è Luisa Todini, presidente di Poste Italiane. E lo fa per raccontare che in Poste “la maternità è un master” grazie alle 500 donne che, andando in congedo di maternità, potranno scegliere di partecipare al nostro programma maam U. Possiamo cambiare la cultura, le parole, e anche i numeri dell’Istat. E vogliamo farlo. 


Leggi l’articolo di Carucci e Sacco su l’Avvenire
Leggi l’articolo di Roberta D’Angelo su l’Avvenire


Riccarda Zezza
riccarda zezza
Ha lavorato per molti anni in grandi aziende in Italia e all’estero. Nel 2012 ha fondato Piano C: il lavoro incontra le donne, per proporre nuovi modelli organizzativi che sfruttino appieno il valore aggiunto della diversità.
È consulente, relatrice e docente sui temi della leadership e della rottura degli stereotipi.

 

Ripartiamo dalla maternità

Immagine1La maternità è in prima pagina sul Corriere della Sera di oggi.

Ma è una maternità diversa, che cambia le parole.
È una maternitá da cui ripartire, tutti, lasciandosi “alle spalle gli intenti conciliatori, abituandosi piuttosto a condividere le cose della vita. Il potere come i figli: le responsabilitá, tutte”.
“Potere” e “responsabilitá” sono parole chiave nella nuova leadership generativa che maam propone.
Per chi vuole saperne di più, vi aspettiamo in Triennale a Milano sabato prossimo, 3 ottobre alle 17.30, per la sessione La leadership Generativa de Il Tempo delle donne.

Leggi l’articolo di Barbara Stefanelli su Il Corriere della Sera


Riccarda Zezza
riccarda zezza
Ha lavorato per molti anni in grandi aziende in Italia e all’estero. Nel 2012 ha fondato Piano C: il lavoro incontra le donne, per proporre nuovi modelli organizzativi che sfruttino appieno il valore aggiunto della diversità.
È consulente, relatrice e docente sui temi della leadership e della rottura degli stereotipi.