Schermata 2017-03-16 alle 14.52.20Il quotidiano La Stampa racconta i risultati emersi della prima campagna nazionale sulla paternità condotta da Piano C con il supporto di MAAM, Alley Oop (Il Sole 24 Ore), Generali Italia e Ikea e presentata il 15 marzo 2017 alla Camera dei Deputati.

<<Cosa è emerso? «Dalle oltre 1500 risposte ricevute viene fuori che la totalità (meno l’un per cento) è felice di essere diventato genitore». Per i padri, il nuovo mestiere non retribuito diventa una buona fonte di formazione professionale, che insegna loro i soft skills più richiesti sul mercato ovvero l’arte della pazienza (60%), capacità di gestione del tempo (40%), di problem solving (45%), di negoziazione (38%), di consapevolezza di sé e delle proprie emozioni. Le maggiori responsabilità che un figlio comporta per il 95% degli intervistati si traducono solo per il 40 % in un ridimensionamento delle proprie ambizioni lavorative: per il resto, diventando papà, nel rapporto con il proprio mestiere l’urgenza è trovare una nuova organizzazione della vita quotidiana (28%), un equilibrio tra vita e lavoro (39%) oltre alla stabilità lavorativa (37). >>


Continua a leggere l’articolo de La Stampa << La riscossa dei papà: “Sì al congedo, stare coi figli ci fa bene” >>